ย 
  • Tiziana Bellini

PIGNOLO


๐Ÿ‡ ๐—™๐—ฅ๐—œ๐—จ๐—Ÿ๐—œ ๐——๐—œ-๐—ฉ๐—œ๐—ก๐—ข ๐Ÿพ

๐Ÿท ๐—œ๐—Ÿ ๐—ฃ๐—œ๐—š๐—ก๐—ข๐—Ÿ๐—ข


รˆ un vitigno piuttosto raro, tipico della zona dei Colli Orientali del Friuli, in particolare delle colline di Rosazzo, ha una storia antica e lo troviamo citato in documenti risalenti giร  al 600, dimenticato per un lungo periodo, ha recuperato terreno in seguito al ritrovamento di alcuni ceppi proprio nella zona di Rosazzo negli anni '80. Ad oggi vanta uno dei primi posti nella classifica dei vini Friulani piรน apprezzati. Ricco di tannini si sviluppa al meglio se invecchiato in legno e affinato qualche anno in bottiglia.


๐Ÿ‘€ Il colore del Pignolo รจ un rosso intenso โค decisamente rubino.


๐Ÿ‘ƒ๐Ÿผ Arriva al naso gentilmente, delicato, ma ricco di note speziate.


๐Ÿ‘… Per quanto detto sopra, al palato arriva con un sapore tannico, ma avvolgente e caldo ricco di sfumature e allo stesso tempo asciutto; si abbina con estrema facilitร  alle carni sia ๐Ÿ—bianche che ๐Ÿฅฉ rosse e alla ๐Ÿ— selvaggina. Per un ricco aperitivo si sposa facilmente anche con ๐Ÿง€formaggi stagionati e salumi speziati. Non lo faccio mancare se cucino il salame sotto la cenere! ๐Ÿ˜‹


๐ŸŒก Prima di portarlo a tavola, merita rispetto e va lasciato decantare anche fino ad unโ€™ora, per poi essere servito ad una temperatura di 20ยฐ in calici ampi e svasati.

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

VERDUZZO

MALVASIA

TERRANO

ย 
ย